Michela Marzola

5A
Vincitori del canale B (lingua straniera), 2020-2021

Torna alla scheda della scuola
Traccia:
Ambito gnoseologico TRACCIA 2 L'Io è indebolito dal conflitto interno, dobbiamo aiutarlo. È come fosse una guerra civile, che deve essere decisa dall'esterno con l'intervento di un alleato. Il medico analista e l'Io indebolito del malato debbono, appoggiandosi al mondo reale esterno, formare un partito contro i nemici, le pretese istintive dell'Es e le pretese di coscienza del Super-Io. Noi concludiamo un patto reciproco. L'Io malato ci promette la massima sincerità, cioè di poter disporre di tutto il materiale che gli fornisce la sua autopercezione, noi gli assicuriamo la massima discrezione e mettiamo al suo servizio la nostra esperienza nell'interpretazione del materiale influenzato dall'inconscio. Il nostro sapere deve riparare a un'ignoranza, deve restituire al suo Io il dominio sulle perdute province della vita psichica. In questo fatto consiste la situazione analitica10. [...] Con i nevrotici dunque stipuliamo il patto: massima sincerità contro rigorosa discrezione. Ciò dà l'impressione che noi tendiamo semplicemente ad assumere la posizione del confessore laico. Ma la differenza è grande, giacché non solo vogliamo sentire che cosa egli sa e nasconde agli altri, bensì egli deve raccontarci anche ciò che non sa. S. Freud, Psicoanalisi

Elaborato: