Chiara Ricciardi

4I
Vincitori del canale B (lingua straniera), 2021

Torna alla scheda della scuola
Traccia:
TRACCIA AMBITO GNOSEOLOGICO-TEORETICO
«Si dice talvolta che studiare filosofia non è di nessuna utilità perché tutto ciò che i filosofi fanno è di starsene lì a cavillare sul significato delle parole. Sembra che essi non raggiungano mai nessuna conclusione importante e che il loro contributo alla società sia pressoché nullo. […] La caricatura del filosofo è infatti quella di una persona […] estremamente impacciata quando ha a che fare con gli aspetti pratici della vita: una persona che sa spiegare i passaggi più complicati della filosofia di Hegel, ma che non sa cuocere un uovo. […] Un importante motivo per studiare la filosofia è che tratta questioni fondamentali che riguardano il significato della nostra vita. Molti di noi in qualche momento della propria esistenza si sono posti delle domande filosofiche. Perché siamo qui? Esiste una prova dell’esistenza di Dio? Le nostre vite hanno uno scopo? […] E così via. La maggior parte di coloro che studiano filosofia pensa che sia importante che ciascuno di noi esamini tali questioni. […] Condurre un’esistenza di routine senza mai esaminare i principi su cui è basata può essere come guidare un’automobile che non è mai controllata. Può darsi che la fiducia che si ripone nei freni, nello sterzo e nel motore sia giustificata, in quanto finora hanno sempre funzionato abbastanza bene; ma questa fiducia potrebbe anche essere del tutto infondata […] Analogamente i principi su cui si basa la nostra vita possono essere ottimi, ma finché non li si è esaminati non se ne può essere sicuri».
N. Warburton, Il primo libro di filosofia, Einaudi, Torino, 1999


Elaborato: