Alessia De Lucia

5AC
Vincitori del canale B (lingua straniera), 2020

Torna alla scheda della scuola
Traccia:
Traccia n. 1 – ONTOLOGIA
Il candidato rifletta criticamente sul problema del nichilismo contemporaneo, confrontandosi in particolare con i testi sotto riportati integrandoli con le proprie personali conoscenze letterarie e filosofiche.
«Tanto in ogni opera sua la natura è intenta e indirizzata alla morte; poiché non per altra cagione vecchiezza prevale sì manifestamente, e di si gran lunga, nella vita e nel mondo. Ogni parte dell’universo si affretta infaticabilmente alla morte, con sollecitudine e celerità mirabile... Tempo verrà, che lo stesso universo e la natura stessa, sarà spento. E nel modo che di grandissimi regni ed imperi umani, e loro meravigliosi moti, non resta oggi segno né fama alcuna, parimenti del mondo intero, e delle infinite vicende e calamità delle cose create, non rimarrà pure un vestigio; ma un silenzio nudo, e una quiete altissima, empieranno lo spazio immenso. Così questo arcano mirabile e spaventoso dell’esistenza universale, innanzi di essere dichiarato né inteso, si dileguerà e perderassi» (Giacomo LEOPARDI, Cantico del gallo silvestre, in: Operette morali).
«Pare dunque che la morte, come niente bruto e muto, sia qui protagonista. Ma in realtà, come nel canto A Silvia, la “tomba ignuda” è memore del “maggio odoroso”, e il suo niente è tanto poco bruta e muto che “l’arcano mirabile e spaventoso dell’esistenza universale” vi si fa invocazione e domanda, così lo stesso accade qui per questo niente cosmico. Il cimitero cosmico nel Cantico del gallo silvestre, come il tipico cimitero del grande nichilismo contemporaneo, è cimitero dominato non dal niente ma dal Nulla; è il luogo in cui, nell’orizzonte e nel silenzio del Nulla, “l’arcano mirabile e spaventoso dell’esistenza universale”, proprio mentre sembra farsi muto niente, lascia in realtà percepire la parola che era ultimamente detta nelle infinite parole che ne costituivano la sostanza e la storia» (A. CARACCIOLO, Leopardi e il Nichilismo, Milano, 1994, p. 74).